Logo Centro Corsi Martina
Home page

ECM

EDIZIONI MARTINA S.R.L.
40126 Bologna - Via delle Belle Arti 17/E - Tel. 051.6241343 - Fax 051.545.514 - info@edizionimartina.com


Il carrello è vuoto
Autore Titolo Indice

 

Sei il visitatore numero

 




  •  

 

Vol. 27 - Sovrannumerari

CRESCINI A. - GlORGETTI R. - DOLDO T.

Pag. 88 - illustrazioni a colori

ISBN 978-88-7572-097-1

Quantità

Prezzo di copertina 55,00 €

Se acquista online, sconto internet -15%

46,75 €

Presentazione
Prefazione
Indice
La prima pagina...

 

Presentazione

 

L'Ortognatodonzia, iniziata in modo pionieristico in Italia negli anni '50, con alcuni Maestri quali i Prof.ri E. Muzi, G. May, O. Hoffer, ha potuto nel tempo svilupparsi: con il primo gruppo di studio Italiano di Ortodonzia (GISO-1967), con la Società Italiana di Ortodonzia (SIDO-1968), con la prima Scuola di specializzazione, (Cagliari 1973) e poi via via le altre ed infine con le cattedre universitarie specifiche, e poi i corsi di perfezionamento ed i master arrivando da pochi pionieri iniziali, ad interessare diverse migliaia di professionisti.

Ho avuto la grande fortuna di conoscere, frequentare ed apprezzare il lavoro clinico e scientifico dei primi Maestri, e di essere presente in tutte le varie fasi di formazione, sviluppo e crescita dell'Ortodonzia italiana. Dopo aver pubblicato diversi libri e monografie sulla materia, sempre più sentivo l'esigenza di preparare e sviluppare una collana di Ortognatodonzia, che raccogliesse in modo organico e coordinato i vari contributi delle scuole Italiane di Ortodonzia o di singoli cultori della materia; è la prima volta che ciò avviene in Italia ed è rivolta soprattutto ai laureandi, ai neolaureati, agli specializzandi, ai cultori della materia, a chi intende perfezionarsi in questa disciplina.

Ogni opera avrà in genere un carattere monografico di varia estensione a seconda dell'argomento trattato.
Si cercherà di dare molto spazio all'iconografia onde facilitare l'uso anche come testo Atlante e favorirne così l'applicazione pratica professionale. Il testo, sempre conciso sarà preparato col massimo rigore scientifico e bibliografico, e con una impostazione clinica didattica, logica e valida. Essendo di facile consultazione il fruitore ne potrà trarre il massimo vantaggio.

Voglio ringraziare la Casa Editrice Martina che, con squisita signorilità, felice intuito e lungimiranza, ha intrapreso questa Collana scientifica nell'intento di rendere più agevole e facile l'apprendere di questa disciplina che sempre più diventerà specialistica, pur mantenendo stretti rapporti inter e multidisciplinari, e poter premiare al tempo stesso l'operato delle varie scuole ortodontiche Italiane o di singoli professionisti, che, con la loro ricerca ed applicazione clinica, hanno saputo già ottenere riconoscimenti anche a livello internazionale.

Con grande soddisfazione la collana ha doppiato la boa d'argento del 25mo numero e prosegue spedita verso nuovi e veloci traguardi, davvero insperati quando timidamente iniziammo col n. 1 nel lontano 1996.

Merito certamente di tutte le scuole Ortodontiche Italiane Universitarie che hanno prontamente e con entusiasmo aderito all'iniziativa arricchendola in tutti questi anni di monografie altamente significative ed importanti, e di Autori affermati che sono stati i veri artefici del successo editoriale, ottenendo un largo consenso di adesioni e di soddisfazione da parte dei lettori, e recensioni accurate e sempre di valido apprezzamento sulle principali riviste del settore. Il successo della collana è poi stato completato dalla adesione di quasi tutte le Scuole Universitarie e private Italiane che si sono impegnate a fornire nei prossimi anni il meglio dei risultati nei loro specifici settori di ricerca, come ben si può vedere nell'elenco posto in quarta di copertina, ove compaiono ben 18 nuovi titoli. Sarà quindi mio compito di dedicare il mio impegno ad elevare ulteriormente il livello di selezione dei singoli argomenti e da parte dell'editore quello di migliorare ancora la grafica e l'estensione, sempre nell'ottica di offrire dei testi pratici, e di facile e chiara applicazione clinica per il fruitore ed al tempo stesso esaustivi sullo specifico argomento trattato. Agli autori ed alle Scuole quindi il mio ringraziamento più sentito perché sarà possibile offrire in tal modo nell'arco di un ventennio e di circa quaranta monografie una collana completa, organica ed unica nel suo genere, di grande utilità pratica, a testimonianza non solo del livello scientifico e della notorietà Internazionale ormai raggiunta dalla Ortodonzia Italiana, ma di esempio di coesione, collaborazione e sinergia.

Merito pure della fiducia incrollabile e dell'entusiasmo nel proprio lavoro da parte dell'Editore Dott. Alfredo Martina che ha saputo sostenermi, incoraggiarmi ed essermi vicino con la sua saggezza nei momenti più delicati o per decisioni difficili.

Ho il piacere di presentare nuovamente la Scuola di Ortodonzia dell'Università degli Studi di Siena diretta magistralmente dal prof. Roberto Giorgetti, che ringrazio anche per la squisita sensibilità di avere compreso la grande utilità della collana e di partecipare con le principali tematiche di ricerche della sua scuola onde tutti i professionisti ne possano trame vantaggio.

La presente monografia verte su un argomento di grande interesse interdisciplinare interessando sia l'Odontoiatra Infantile, sia l'Ortodontista, sia il Chirurgo Orale.

Ciò significa innanzitutto, visite precoci dei nostri giovani pazienti, fra i 4 ed i 6 anni, onde effettuare di routine una radiografia panoramica e nei casi sospetti di diagnosi più incerta, corredandoli poi con rx occlusali e soprattutto radiografie tridimensionali.
È quindi l'Odontopediatra infantile che deve sapere precocemente diagnosticare i casi di denti sovrannumerari, che sono presenti in media nel 2 per cento dei pazienti, e con visite collegiali con l'ortodontista, stabilire un piano clinico terapeutico preciso e rigoroso.

Ciò semplificherà molto numerosi casi, riducendo tempi e costi di terapia.
Purtroppo si assiste invece ancora a notevoli ritardi dovuti molte volte a non corrette diagnosi che generano poi casi di malpractice, alcune anche di notevole gravita e non facilmente risolvibili.

Torna quindi il concetto di Prevenzione primaria e fondamentale nella Clinica Odontostomatologica Pediatrica.
Un plauso quindi alla scuola di Ortognatodonzia Italiana dell'Università di Siena ove il suo eccellente direttore Prof. Roberto Giorgetti, coadiuvato dai Dottori Crescini e Doldo, ha saputo arricchire ancora una volta la nostra collana con questo prezioso e fondamentale contributo.

Vorrei sottolineare con vivo compiacimento che il Dr. Crescini aveva già partecipato alla collana con il numero 8 sul trattamento Chirurgico ortodontico dei canini inclusi, che considero tra le monografie più importanti e riuscite per il suo rigore scientifico e la ricca e perfetta documentazione clinica ortodontica e chirurgica.

Oggi a distanza di molti anni la sua pluridecennale esperienza chirurgica ortodontica viene riversata con splendida e riuscita perizia nel testo sui sovrannumerari ed unita alle nuove tecniche biomeccaniche e diagnostiche portato avanti con sagace preveggenza dal Prof. Giorgetti e collaboratori rendendo il testo fondamentale sia nel corso di Laurea in Odontoiatria che nella scuola di specializzazione di ortognatodonzia, di radiologia, ed in attesa di quella di Odontoiatria Pediatrica, negli eccellenti Master che alcune Università Italiane hanno istituito.

Chiarezza di impostazione diagnostica, clinica, iconografica precisa e nitida, descrizione delle varie tipologie di sovrannumerari e rispettive metodiche di terapia, rendono la monografia di facile ed utile applicazione.
Libro quindi ancora più raccomandabile a tutti gli specialisti dei settori sopraelencati che potranno migliorare diagnosi e tecniche nella loro routine quotidiana professionale.

Sono poi particolarmente felice che sia nata questa nuova monografia, che compare dopo 22 anni dalla pubblicazione di un mio libro sui sovrannumerari, e senza che vi siano state nel frattempo altre pubblicazioni esaustive, portando in tal modo un vero aggiornamento su questa importante patologia dai vari e complessi aspetti multi ed interdisciplinari, a conferma che oggi solamente Team di vari specialisti affiatati e coordinati permettono di soddisfare i nuovi principi stomatologici quali Etica, Qualità, Eccellenza e Stabilità di risultati in una ottica di vera e precoce prevenzione ed un eccellente aggiornamento continuo.
All'Editore Dott. Alfredo Martina ancora un plauso e un ringraziamento per l'inesauribile energia ed entusiasmo che continua a profondere onde migliorare ulteriormente la collana nella sua veste tipografica ed iconografica.

Prof. Damaso Caprioglio
già Direttore Cattedra di Ortognatodonzia e Gnatologia
e dei Corsi di Perfezionamento in Ortodonzia Intercettiva
ed Ortodonzia Pre e Post-Chirurgica
Docente di Etica e Traumatologia Dentale
Università degli Studi di Parma

 

Prefazione

 

Da sempre, ed il Prof. Caprioglio ne ha dato storica testimonianza anche nella presentazione, le alterazioni di numero degli elementi dentali hanno costituito oggetto di interesse sul piano della diagnosi, prognosi e terapia, a partire dai casi più "semplici" sino a quegli sconvolgimenti epocali che spesso sono delle vie di "uscita" dei difetti sindromici.

Alla luce dei moderni quadri diagnostici, e forti della sopraffina esperienza e di una casistica abbondante dovuta massimamente all'amico Crescini, gli AA hanno impostato questa monografia quale libro bianco sulla materia. Nello spirito della collana il volume è destinato a quel pubblico giovane che più ha bisogno di una cometa che gli indichi la via della deontologia professionale.

Siamo sicuri però che anche colleghi ortodontisti ormai fatti, possano trarre qualche suggerimento o copertura di piccole carenze cognitive, scorrendo la rigorosa classificazione e l'abbondante iconografia, nonché le possibili terapie che la creatività leonardesca di Aldo e la praticità tutta femminile di Tiziana hanno saputo trasferire in queste pagine.

Tantoché, per concludere, mi viene facile dire (sempre con il Sommo Dante) "ed io fui terzo fra cotanto senno".

Prof. Roberto Giorgetti

 

Indice

 

Introduzione

Eziologia

Frequenza

Classificazione

Conseguenze

Diagnosi

Trattamento

Bibliografia

 

La prima pagina...

 

CAPITOLO 1

INTRODUZIONE

Lo sviluppo dei denti è un processo che, a causa della sua complessità e durata (da 3 a 4 anni per i denti decidui e da 7 a 12 anni per i permanenti, può andare incontro a numerosi disturbi. Questi possono essere rappresentati da difetti genetici o essere conseguenza di fattori ambientali (traumi, infiammazioni, malattie acquisite, squilibri metabolici, sostanze chimiche dannose).

Le anomalie dentarie - derivate da un "disturbo" intervenuto durante lo sviluppo dentale - sono classificate principalmente in base al numero, dimensione, forma, malformazione della sostanza adamantina. Per quanto riguarda le irregolarità di numero dei denti si distinguono l'iperdonzia (denti in eccesso) e la più frequente ipodonzia (denti in difetto).

Il rilievo clinico di denti sovrannumerari erotti è noto da tempo: fin dal 1770 T. Berdmore nel suo "Trattato sui disordini e deformità dei denti e gengive "rileva l'esistenza di denti sovrannumerari che così descrive: "Same have more than the ordinary number of teeth in one row, others have the supernumerary ones in a double row, or standing apart without any order...." (Cap IV: The formation, growth and shedding of the teeth). Solo con l'avvento della radiografia si definiranno meglio i denti sovrannumerari che possono restare inclusi piuttosto che erompere. Si può definire il dente sovrannumerario come un elemento dentario in eccesso rispetto al numero normale che può erompere in arcata o in sede ectopica oppure rimanere incluso, questa anomalia può interessare sia la dentatura decidua (meno frequentemente) che la permanente.

Può essere singolo o multiplo, unilaterale o bilaterale, avere morfologia e dimensione normale o anoma-
la...