Logo Centro Corsi Martina
Home page

ECM

EDIZIONI MARTINA S.R.L.
40126 Bologna - Via delle Belle Arti 17/E - Tel. 051.6241343 - WhatsApp 3388677050 - info@edizionimartina.com


Il carrello è vuoto
Autore Titolo Indice

GU n. 63 del 10/03/2020
lo sconto online è del 5%

SEGUICI SU FACEBOOK

 

Sei il visitatore numero

 



 

Vol. 15 - Metodiche ortodontiche per la distalizzazione molare

BOLLA E. - DOLDO T.

Pag. 112 - 239 illustrazioni a colori

ISBN 978-88-7572-010-X

Quantità

Prezzo di copertina 50,00 €

SCONTO INTERNET -5%

47,50 €

PRESENTAZIONE
PREFAZIONE
INTRODUZIONE
GUIDA ALLA LETTURA
INDICE

 


PRESENTAZIONE  


L’ortognatodonzia, iniziata in modo pionieristico in Italia negli anni '50, con alcuni Maestri quali i Prof.ri E. Muzi, G. May, O. Hoffer, ha potuto nel tempo svilupparsi: con un gruppo di studio (GIST), con la Società Italiana di Ortodonzia (SIDO), con le prime scuole di specializzazione, ed infine con le Cattedre Universitarie specifiche, arrivando, da pochi pionieri iniziali, ad interessare diverse migliaia di professionisti.

Ho avuto la grande fortuna di conoscere, frequentare ed apprezzare il lavoro clinico e scientifico dei primi Maestri, e di essere presente in tutte le varie fasi di formazione, sviluppo e crescita dell'ortodonzia italiana.

Dopo aver pubblicato diversi libri e monografie sulla materia, sempre più sentivo l'esigenza di preparare e sviluppare una Collana di Ortognatodonzia, che raccogliesse in modo organico e coordinato i vari contributi delle Scuole Italiane di Ortodonzia o di singoli cultori della materia; è la prima volta che ciò avviene in Italia ed è rivolta soprattutto ai laureandi, ai neolaureati, agli specializzandi, ai cultori della materia, a chi intende perfezionarsi in questa disciplina.

Ogni opera avrà in genere un carattere monografico di varia estensione a seconda dell'argomento trattato.

Si cercherà di dare molto spazio all'iconografia onde facilitare l'uso anche come testo Atlante e favorirne così l'applicazione pratica professionale.

Il testo, sempre conciso, sarà preparato col massimo rigore scientifico e bibliografico, e con una impostazione clinica didattica, logica e valida.

Essendo di facile consultazione il fruitore ne potrà trarre il massimo vantaggio.

Voglio ringraziare la Casa Editrice Martina che, con squisita signorilità, felice intuito e lungimiranza, ha intrapreso questa Collana scientifica nell'intento di rendere più agevole e facile l'apprendere di questa disciplina che sempre più diventerà specialistica, pur mantenendo stretti rapporti interdisciplinari, e poter premiare al tempo stesso l'operato delle varie scuole ortodontiche italiane o di singoli professionisti, che, con la loro ricerca ed applicazione clinica, hanno saputo già ottenere riconoscimenti anche a livello internazionale.

É motivo di particolare soddisfazione a tre anni dall'inizio di questa collana, avere doppiato il giro di boa dei primi dieci numeri che hanno visto la partecipazione di numerose scuole Universitarie e di Autori affermati che sono stati veri artefici del successo editoriale, ottenendo un largo consenso di adesioni e di soddisfazione da parte dei lettori, e recensioni accurate e sempre di valido apprezzamento sulle principali riviste del settore.

Il successo della collana è poi stato completato dalla adesione di tutte le Scuole Universitarie e private Italiane che si sono impegnate a fornire nei prossimi anni il meglio dei risultati nei loro specifici settori di ricerca.

Sarà quindi motivo di dedicare il mio impegno ad elevare ulteriormente il livello di selezione dei singoli argomenti e da parte dell'editore quello di migliorare ancora la grafica e l'estensione, sempre nell'ottica di offrire dei testi pratici, e di facile e chiara applicazione clinica per il fruitore ed al tempo stesso esaustivi sullo specifico argomento trattato.

Agli autori ed alle Scuole quindi il mio ringraziamento più sentito perché sarà possibile offrire in tal modo nell'arco di un decennio e di circa trenta monografie una collana completa, organica ed unica nel suo genere, di grande utilità pratica, a testimonianza non solo del livello scientifico e della notorietà Internazionale ormai raggiunta dalla Ortodonzia Italiana, ma di esempio di coesione, collaborazione e sinergia.

Questa monografia sulle metodiche ortodontiche per la distalizzazione molare vede nuovamente la partecipazione della Scuola Universitaria di Siena, diretta dal Prof. Roberto Giorgetti, nonché Past President SIDO, che ha saputo creare e sviluppare in alcuni decenni un eccellente gruppo di lavoro e di ricerca, sempre nell'ottica di un valido raggiungimento di fini pratici ed utili per la professione.

 

Prof. Damaso Caprioglio
Direttore Cattedra di Ortognatodonzia e Gnatologia
e dei Corsi di Perfezionamento in Ortodonzia Intercettiva
ed Ortodonzia Pre e Post-Chirurgica
Università degli Studi di Parma

 

 


PREFAZIONE  


La vera grande novità delle tecniche ortodontiche, negli ultimi decenni del passato secolo, sono state sicuramente le metodiche senza collaborazione di distalizzazione dei molari. Quello che appariva un sogno a chi, come me 30-40 anni or sono si cimentava e talora si scontrava con le tecniche multibande, ha visto realizzarsi un sogno insperato. É stato un fiorire di novità, di intuizioni, di sperimentazioni: dalle barre, ai magneti, alla placca di Nance sino ai più moderni pendulum, distal jet e cosi via.

Come sempre quando le possibilità terapeutiche si ampliano, appare necessario un confronto ed una verifica; questa è la funzione e lo scopo dei Maestri, che nello spirito di Confucio debbono non regalare un pesce, sostentamento di un giorno, ma insegnare a pescare per rendersi così autonomi nella vita.

Eugenio Bolla, per la sua competenza, per la sua esperienza, per la passione ed il rigore del ricercatore, appare come la persona più idonea a sviluppare questo argomento. Il successo delle lezioni ed i corsi svolti in ambito universitario e nei confronti della libera professione hanno già dato la misura della sua preparazione. Questo libro ne costituirà, ne sono certo, la riprova in campo editoriale. L’opera si completa con l'apporto della Dr.ssa Tiziana Doldo: la sua lunga esperienza didattica pre - e post - graduate e la sua riconosciuta capacità clinica della conduzione del reparto, contribuiscono a dare al volume una chiarezza espositiva ed un valore didattico significativo di cui sono certo, gli studenti vecchi e nuovi sapranno apprezzare.

 

Prof. Roberto Giorgetti
Direttore Cattedra e
Scuola di Specializzazione di Ortognatodonzia
Università degli Studi di Siena

 

 



INTRODUZIONE  

 

L’esperienza clinica ortognatodontica ha da sempre orientato i suoi sforzi verso la ricerca di sistemi terapeutici che risultassero più compatibili con le esigenze estetico - funzionali del paziente ed individuato nella “non compliance” un fattore chiave per il successo del trattamento. La ricerca ha dimostrato inoltre, l'opportunità di ridurre l'entità delle forze ortodontiche e di limitare il ricorso alle estrazioni a fini terapeutici.

Su questi presupposti vari autori hanno realizzato numerosi dispositivi che permettessero un movimento di distalizzazione molare biomeccanicamente il più corporeo possibile, atto a garantire quindi stabilità del risultato ed assenza di effetti collaterali. Ma solo una accurata selezione diagnostica dei casi, una mirata prescrizione al laboratorio da parte dell'ortodontista ed infine la precisa realizzazione tecnica, rappresenteranno presupposti indispensabili per una facile gestione alla poltrona degli apparecchi distalizzanti.

 

Eugenio Bolla

 

 



GUIDA ALLA LETTURA  

 

Il testo è stato suddiviso in tre grandi blocchi di discussione: il primo dedicato ad un approfondimento multilaterale sulla distalizzazione molare, mentre i due successivi comprendono le metodiche prese in esame: la discriminante è rappresentata dal criterio su dove gli autori del progetto e realizzazione dell'apparecchiatura abbiano ritenuto opportuno applicare la forza distalizzante: si descrivono i dispositivi ortodontici con punto di applicazione vestibolare, nel secondo gli apparecchi ad applicazione di forza sul versante palatale. Di ognuno di essi si sono prese in considerazione le peculiarità costruttive, la capacità distalizzante e derotante, la necessità di collaborazione del paziente al fine di ottenere il movimento terapeutico programmato in fase diagnostica; si sono rese necessarie infine una revisione degli aspetti biomeccanici ed una valutazione cefalometrica per la selezione dei casi dove la distalizzazione molare rappresenti un passaggio terapeutico indispensabile. Ed è proprio dalla diagnosi che inizia il nostro viaggio nell'oceano delle metodiche per la distalizzazione molare, rammentando sempre che, il non sapere esattamente dove voler puntare la nostra rotta terapeutica, potrebbe portarci ad approdare altrove senza ahimè, accorgersi del nostro errore di navigazione.

 

Eugenio Bolla e Tiziana Doldo

 

 



INDICE  

 

PRESENTAZIONE

PREFAZIONE

INTRODUZIONE

GUIDA ALLA LETTURA

INDICE

 

1. LA DISTALIZZAZIONE MOLARE (Eugenio Bolla)

Indicazioni generali

Indicazioni diagnostico-cefalometriche alla distalizzazione molare sui piani sagittale, verticale e trasversale

La derotazione del primo molare superiore

Biomeccanica della distalizzazione molare superiore

Biologia della distalizzazione molare superiore

Analisi parodontale della distalizzazione molare

Bibliografia e letture consigliate

 

2. IL TRATTAMENTO ORTODONTICO NON COMPLIANCE E GLI STEPS SUCCESSIVI ALLA DISTALIZZAZIONE MOLARE (Eugenio Bolla)

Gli elastici di classe II

I sezionali di arretramento per premolari e canini superiori

Valutazione biomeccanica sul piano sagittale
Valutazione biomeccanicaa sul piano orizzontale ed antero-posteriore

L’ancoraggio e la tecnica di impronta per gli apparecchi di distalizzazione molare

Il trattamento ortodontico dell'arcata inferiore nei casi di distalizzazione molare

Bibliografia e letture consigliate

 

3. SUGGERIMENTI PRATICI (Eugenio Bolla)

I separatori elastici

Terapia farmacologia

Riassunto diagnostico-terapeutico della distalizzazione molare

Bibliografia e letture consigliate

 

4. METODICHE PER LA DISTALIZZAZIONE MOLARE CON PUNTO DI APPLICAZIONE DELLA FORZA IN SEDE VESTIBOLARE

LA TRAZIONE EXTRAORALE (Eugenio Bolla)

Introduzione

Biomeccanica della trazione extraorale

Bibliografia e letture consigliate

LE MOLLE IN NICKEL TITANIO E L'ANSA "LOCATELLI" (Eugenio Bolla)

Introduzione

Le molle in Ni - Ti e la distalizzazione molare

L’ansa Locatelli

Glossario dei termini di metallurgia dei fili ortodontici

Bibliografia e letture consigliate

LA DISTALIZZAZIONE MOLARE SUPERIORE SECONDO LA TECNICA DI WILSON
(Eugenio Bolla, Tiziana Doldo)

Introduzione

La preparazione dell'ancoraggio nell'arcata inferiore

L’arco bimetrico della tecnica modulare di Wilson

Valutazione della distalizzazione molare ottenuta con l'arco bimetrico di Wilson

Bibliografia e letture consigliate

LA DISTALIZZAZIONE MOLARE MEDIANTE LE FORZE MAGNETICHE
(Eugenio Bolla, Tiziana Doldo)

Introduzione

La metodica per la distalizzazione molare secondo la Scuola di Boston

Bibliografia e letture consigliate

 

LA DISTALIZZAZIONE MOLARE MEDIANTE IL JONES JIG
(Eugenio Bolla)

Introduzione

Clinica e biomeccanica della distalizzazione molare mediante il Jones Jig

Bibliografia e letture consigliate

 

LA DISTALIZZAZIONE MOLARE MEDIANTE I LIP BUMPERS DI KORN
(Eugenio Bolla)

Introduzione

Il momento ideale del trattamento della distalizzazione molare mediante i lip bumper di Korn

Possibilità terapeutiche mediante i lip bumper di Korn

I lip bumper di Korn

Bibliografie e letture consigliate

 

5. METODICHE DI DISTALIZZAZIONE MOLARE AD APPLICAZIONE DI FORZA IN SEDE PALATALE

LA DISTALIZZAZIONE MOLARE SECONDO LA TECNICA DI CETLIN
(Eugenio Bolla)

Introduzione

La barra di Cetlin

La derotazione e la distalizzazione molare con la barra di Cetlin

Bibliografia e letture consigliate

 

LA DISTALIZZAZIONE MOLARE MEDIANTE IL PENDULUM
(Eugenio Bolla, Tiziana Doldo)

Introduzione

Le molle in TMA e le varianti cliniche

Biomeccanica del pendulum

Introduzione
I risultati terapeutici di Hilgers
I risultati terapeutici di Gosh e Nanda
I risultati terapeutici di Byloff e Darendelier
I risultati terapeutici di Bussick e Mc Namara
Anno 2001: l'odissea della "contention"
I risultati di Chiu

Bibliografia e letture consigliate

 

LA DISTALIZZAZIONE MOLARE MEDIANTE IL DISTAL JET
(Eugenio Bolla)

Introduzione

Distalizzazione molare

Perdita di ancoraggio ed inclinazione dei premolari

Gli effetti dell'eruzione del secondo molare

I sezionali di arretramento per premolari e canini superiori

Conclusioni

Bibliografia e letture consigliate

 

LA DISTALIZZAZIONE MOLARE MEDIANTE IL FIRST CLASS
(Tiziana Doldo)

Introduzione

Descrizione dell'apparecchio

Indicazioni diagnostiche e gestione clinica

Bibliografia e letture consigliate

 

LA DISTALIZZAZIONE MOLARE MEDIANTE IL FAST BACK
(Tiziana Doldo)

Introduzione

Descrizione del dispositivo

Biomeccanici

Bibliografia e letture consigliate

 

LA DISTALIZZAZIONE MOLARE MEDIANTE IL NEW DISTALIZER
(Tiziana Doldo)

Introduzione

Applicazioni cliniche e biomeccanici

Bibliografia e letture consigliate

 

6. CONCLUSIONI E RINGRAZIAMENTI (Eugenio Bolla e Tiziana Doldo)

Conclusioni sulle metodiche per la distalizzazione molare: quale scelta?

Valutazioni biomeccaniche e cliniche

Risultati dei dispositivi distalizzanti molari a punto di applicazione vestibolare

Risultati dei dispositivi distalizzanti molari a punto di applicazione palatale

Analisi finale

Ringraziamenti