Logo Centro Corsi Martina
Home page

ECM

 

 

 

GU n. 63 del 10/03/2020
lo sconto online è del 5%

EDIZIONI MARTINA S.R.L.
40126 Bologna - Via delle Belle Arti 17/E - Tel. 051.6241343 - WhatsApp 3388677050 - info@edizionimartina.com


Il carrello è vuoto
Autore Titolo Indice

CENTRO CORSI E.C.M. EDIZIONI MARTINA

     

 

Sei il visitatore numero

 





 

Guida al successo in protesi mobile completa

MARINO G. - CANTON A.

Pag. 250 - 485 illustrazioni a colori

ESAURITO

Ricordando il Dottor. Earl Pound

RINGRAZIAMENTI
INDICE

 

 

Ricordando il Dottor Earl Pound

 

RICORDANDO IL DOTTOR EARL POUND
«Il Dottor Pound è noto in Canada e inizia la sua formazione universitaria presso la Facoltà di Ingegneria della British Columbia University - cosi scrive Niles Guichet nel profilo dell'Autore sul “Dentist's Manual, Personalized Denture Procedures” di Earl Pound D.D.S. edito dalla Denar Corporation nel 1973 (dal quale abbiamo tratto queste brevi note biografiche); in seguito, nel 1932 si laurea in Odontoiatria presso la Università della California dove ebbe come insegnante Frederick Frahm. Fu compagno di classe di personaggi che diedero lustro all'Odontoiatria: Dave Shoosman, Le Roy Knowles, Roland Fisher, Russel Basset, Le Roy Pitman, Vernon Swan, con i quali mantenne sempre buoni rapporti.

Fino al 1940, pur esercitando la professione a Hollywood, prese parte a gruppi di studio di Dietetica, di Conservativa (con particolare riguardo alle orificazioni); seguì gli insegnamenti dei migliori specialisti di protesi totale, come il Dottor Clyde Stansbury, 11 Dottor Beverly Mc Collum, il Dottor Wilfred Terrel, il Dottor Morris Thompson; frequentò per parecchi anni il Dottor Milus House.

Tutte queste esperienze lo arricchirono di sapere e lo orientarono nelle sue ricerche verso la fonetica e l'estetica.

Durante la secondo guerra mondiale diresse l'Ospedale di Oak Knoll della Marina U.S.A., e nel 1946 fu insignito di «Menzione Speciale per Servizi meritevoli nell'adempimento del proprio dovere».

Nel 1949, in collaborazione con il suo odontotecnico signor Nelson Ingersoll Jr. elaborò una tecnica di modellazione e di tinteggiatura della resina dei contorni tissutali dei denti, per conferire naturalezza alle dentature artificiali, che nel 1956 gli permise di aggiudicarsi il «Bumble bee Award» che è il più ambito riconoscimento della American Academy for Plastic Research in Dentistry. É di questo periodo la Conferenza che lo rese famoso in tutto il mondo: “Dentures With a New Look that Speak By Themselves”.

Nel 1960 il signor Clark Smith, fabbricante di materie plastiche di Kansas City, nel Missouri, mette a punto un materiale resinoso resiliente e lo propone da usare come rivestimento interno delle protesi.

Pound lo sperimenta e intravede i nuovi orizzonti di una nuova maniera di fare la protesi totale; fonda a questo scopo nel 1962 il primo gruppo di studio con l'obbiettivo di semplificare e migliorare la sua metodica, per adattarla a risolvere anche i casi più difficili.

Il decennio che va dal 1963 al 1972 fu molto importante: escono numerosi lavori che puntualizzano di volta in volta il progredire degli studi del gruppo: l'uso dei materiali di condizionamento dei tessuti, la determinazione, con la fonetica, della posizione dei denti anteriori superiori e inferiori.

Pound nei suoi «Acknowledgements» all'inizio del suo libro scrive testualmente: - This Manual is the result of the years we have spent togheter. Nel 1971 i membri del suo primo Gruppo di Studio il Dottor Harold Davies, il Dottor George Murrell e il Dottor Carl Rieder costituiscono, al fine di riorganizzare i veri gruppi di studio, la “FOUNDATION FOR DENTURE RESEARCH Inc.” e lo nominano Presidente: questo è per lui il più prezioso riconoscimento.

Sempre giovanile nell'aspetto e nella mente, per molti anni ancora continuerà a tenere corsi e conferenze in tutto il mondo, sotto l'egida della Fondazione, sempre animato da grande entusiasmo, sempre aggiornato, sempre aggiungendo qualcosa alle applicazioni del suo metodo: “Molti cosiddetti Principi Fondamentali, anche se validi, ci solevo ripetere - costituiscono solo delle opinioni, non dei fatti: occorre affrontare scientificamente i problemi e, anche di fronte ad un risultato deludente, accrescere in se stessi l'incentivo a proseguire”.

Earl Pound fu un Maestro di grande esperienza, rispettoso della biologia, grande umanista; durante i suoi corsi non mancava mai di ripetere: «L'applicazione più nobile della mente umana è lo studio delle opere del suo Creatore».

Lo ferale notizia della sua dipartita, avvenuta nel marzo del 1986 lasciò un grande vuoto specialmente fra noi che avemmo la fortuna di frequentarlo e che da lui ricevemmo insegnamenti, incoraggiamenti, consigli.

A.C. e G.M.


 

RINGRAZIAMENTI

 

Anche se osiamo mettere il nostro nome di Autori sulla copertina di questa «Guida», lo facciamo con umiltà, perché siamo consapevoli che le nostre fatiche per redigerla e i nostri contributi per divulgarla, sono ben poca cosa rispetto al disinteressato impegno di coloro che ci hanno insegnato.

Vorremmo ricordarli tutti.

Desideriamo ringraziare prima di tutti EARL POUND, che ci è stato Maestro nella professione e nella vita, al quale dedichiamo idealmente questa nostra opera.

Vorremmo anche ringraziare tutti coloro dai quali abbiamo appreso molto, frequentandoli in diverse circostanze, in diverse epoche della nostra vita: perché molte delle loro idee e delle loro intuizioni sono in queste pagine (i nomi sono in ordine alfabetico):

Alessandro Arlotta, Fabio Bertagnolli, Giovanni Bertolini, Augusto Biaggi, Tancredi Bianchi, Adriano Brachetti, Gianni Bruschi, Aldo Brusotti, Tito Buy, Gaetano Calesini, Luigi Castagnola, A.P. Celenza, Alessandro Cestelli, Eros Crosetto, Matteo Dalmasso, Carlo De Chiesa, Antonio Ferro, Gianni Frisardi, Michèle Gaillard, Giancarlo Gallo, Mario e Pino Giancotti, Elio Giorgetti, Guido Giorgini, Carlo Guastamacchia, Niles Guichet, Oscar Hoffer, Vassilios Kaitsas, Rosa Losasso, Lourdino Magrin, Mario Martignoni, Roberto Mazzali, Fausto Molfino, Mario Molina, Piero Padovan, Gino Possamonti, Eugenio Peduzzi, Renato Pellecchia, Giancarlo Pescarmona, Giulio Preti, Nunzio Sciandrello, Agostino Scipioni, J. Schreinemakers, Fabio Smorto, Bruno Tassarotti, Peter K. Thomas, Fabio Toffenetti, Armando Vergnano, Alberto Zuccari e anche gli Odontotecnici Diego Barbaglia, Franco Brega, Corrado Centofanti, Mauro Giorgini, Stefano Gonizzi, Gastone Milana, Osvaldo Mario Ricci.

Per la verità ci sono stati utili anche Corsi di Gnatologia (Avril, Lauritzen, Slawicek) e Corsi di Ortodonzia (Cervera, Cozzani, Giannelly, Giannì, Franco Giancotti, Osvaldo Richter).

Per finire vorremmo qui ringraziare anche i Grafici e l'Editore che hanno voluto presentare in modo cosi signorile il nostro lavoro.

Alessandro Canton e Glauco Marino

 

 

INDICE

 

PRESENTAZIONE

SE

RICORDANDO E POUND

RINGRAZIAMENTI

 

1 SUPPORTO

Strutture ossee connesse con il supporto
Registrazione dei supporto osseo
Procedimenti operativi alla poltrona
Supporto nella pratica
Caso Clinico n° 1
Caso Clinico n° 2
Tracciato del portaimpronta
Lettura e interpretazione del modello in gesso mascellare
Lettura e interpretazione del modello in gesso mandibolare
Impronta funzionale e finale
Procedimenti operativi alla poltrona
Impronta funzionale e finale nella pratica
Conclusioni

 

2 PIANO OCCLUSALE

Procedimenti operativi alla poltrona
Piano occlusale nella pratica
Caso Clinico n° 3
Caso Clinico n° 4
Conclusioni

 

3 MONTAGGIO DEI DENTI

Montaggio dei denti frontali superiori
Montaggio dei denti frontali inferiori
Procedimenti operativi alla poltrona
Montaggio dei denti posteriori
Montaggio dei denti nella pratica
Caso Clinico n° 5
Caso Clinico n° 6
Conclusioni

 

4 MOVIMENTI MANDIBOLARI IN FONETICA

Interpretazione degli otto valori
Conclusioni
«S» atipica
Procedimenti operativi alla poltrona
Cera insufficiente
Cera orizzontale
Interposizioni linguali
Pronuncia blesa
Conclusioni

 

5 ESTETICA IN PROTESI MOBILE

Valutazione psico-estetica
Censore mascherato
Particolari esigenze estetiche
Orientamento generale
L'esteficci
Estetica dell'anatomia
Estetica della proporzione
Estetica del colore
Estetica dei tessuti di sostegno
Estetica dell'allineamento
Posizione dei singoli denti arcata superiore
Posizione dei singoli denti arcata inferiore
Posizione dei denti latero-posteriori
Estetica dell'occlusione
Estetica della funzionalità
Caratterizzazione del montaggio
Particolari situazioni anatomiche
Estetica e gengiva artificiale
Metodica per riprodurre la morfologia del palato
Ancora problemi fonetici
Procedimenti operativi alla poltrona
Estetica nella pratica
Conclusioni

 

6 DIMENSIONE VERTICALE

Procedimenti operativi alla poltrona
Dimensione verticale nella pratica
Conclusioni

 

7 RAPPORTI FRA LE ARCATE (CLASSE ORTODONTICA)

Procedimenti operativi alla poltrona
Rapporto fra le arcate nella pratica
Caso Clinico n° 7
Caso Clinico n° 8
Conclusioni

 

8 CONSENSO DEL PAZIENTE

Procedimenti operativi alla poltrona
Consenso del paziente nella pratica
Conclusioni

 

9 TECNICA LINEARE E TECNICA DINAMICA

Tecnica lineare convenzionale
Tecnica lineare secondo E. Pound
Tecnica dinamica
Conclusioni

 

10 TECNICA DINAMICA = PROTESI DIAGNOSTICA

Procedimenti operativi alla poltrona
Uso dell'Hidrocast
Riassumendo
Tecnica dinamica nella pratica
Conclusioni

 

11 CONDIZIONAMENTO DEI TESSUTI ORALI E RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE

Procedimenti operativi alla poltrona
Caso Clinico n° 9
Caso Clinico n° 10
Caso Clinico n° 11
Conclusioni

 

12 FINALIZZAZIONE DELLA PROTESI DIAGNOSTICA

Procedimenti operativi alla poltrona
Finalizzazione nella pratica
Conclusioni


13 OCCLUSIONE

Procedimenti operativi alla poltrona
Occlusione nella pratica
Conclusioni


14 ATTO FINALE

Procedimenti operativi alla poltrona
Atto finale nella pratica
Conclusioni

 

RACCOMANDAZIONI PER LA PREVENZIONE DELLE INFEZIONI CROCIATE

Protocolli

 

BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE

Tabella punti repere
Anotomici
Movimenti muscoli
Movimenti attivi e passi

Tabella Classe
Occlusale posizione «S»
Retrusione chiusura

Tabella distanza fra setto nasale e ala dei naso

Tabella Analitica di controllo