Logo Centro Corsi Martina
Home page

ECM

EDIZIONI MARTINA S.R.L.
40126 Bologna - Via delle Belle Arti 17/E - Tel. 051.6241343 - Fax 051.545.514 - info@edizionimartina.com


Il carrello Ŕ vuoto
Autore Titolo Indice

 

 

Sei il visitatore numero

 





Autori
Presentazione
Prefazione
Indice
 

LUIGI BARBARA E LA SUA SCUOLA MEDICA

CALETTI G. - BARBARA G.

Pag. 168 - 114 illustrazioni a colori

ISBN 978-88-7572-171-8

Prezzo di copertina 40,00 €

Se acquista online, sconto internet -15%


34,00 €

Quantità


Autori

Giancarlo Caletti

Professore dell’Alma Mater. Allievo del Prof. Luigi Barbara. Ha fondato e diretto dal 2001 al 2017 la U.O.C. di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva dell’Università di Bologna presso l’Ospedale di Imola. Ha fondato e diretto dal 2001 al 2017 il Master di 2° Livello in Endoscopia Avanzata intitolato a Luigi Barbara.

 

Giovanni Barbara

É Professore Associato di Medicina Interna presso il Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche dell’Università di Bologna. Medico specialista in Medicina Interna ed in Gastrtroenterologia si è formato a Bologna a Londra e alla McMaster University in Canada. È autore di più di 300 articoli sulle principali riviste scientifiche di Gastroenterologia principalmente nel settore delle malattie organiche e funzionali gastrointestinali. Attualmente è membro del Board dei Direttori della Rome Foundation ed è il Presidente della Società Europea di Neurogastroenterologia e Motilità (ESNM).

 

Presentazione

Quest’anno, ricorrono due date particolarmente importanti per l’Università di Bologna e la Scuola Medica Bolognese.

Saranno trascorsi 90 anni dalla nascita e 20 anni dalla morte del Prof. Luigi Barbara.

Durante la Sua permanenza nell’Alma Mater e nel Policlinico S. Orsola-Malpighi Egli ha certamente lasciato un’impronta indelebile che ha influenzato la cultura medica internistica e specialistica, dando vita ad una Scuola che si è fatta onore sia in campo nazionale che in campo internazionale.

Gli allievi hanno deciso di pubblicare questo libro per ricordare il Maestro, consolidare la memoria del Docente e dello Scienziato e lasciare alle generazioni presenti e future un documento tangibile sulla sua figura e sulla sua opera.

Esso si articola in due parti:

La prima parte formale ed accademica si snoda come un albero genealogico ed illustra la storia e le attività accademiche ed assistenziali del Prof. Barbara.

Elenca gli allievi che hanno raggiunto posizioni dirigenziali universitarie ed ospedaliere, nonché risultati scientifici di particolare valore.

In ogni capitolo sono anche evidenziati i rami (allievi) che si sono dipartiti dal tronco (maestro) ed i frutti da essi prodotti.

Ogni autore di capitolo tratta della sua attività accademica ed assistenziale sia prima che durante e dopo l’incontro con il Maestro.

Evidenzia il ruolo fondamentale dello stesso nel raggiungimento delle posizioni ottenute. Ha anche cura di citare l’opera ed il contributo di coloro (anch’essi allievi del Prof. Barbara) con cui ha collaborato e/o tuttora collabora, che però non hanno raggiunto (al momento) posizioni dirigenziali e che per omogeneità di articolazione di questo libro non hanno avuto la responsabilità di un capitolo personale.

La seconda parte è meno ufficiale e più personale.

Ogni allievo descrive i momenti salienti del periodo lavorativo trascorso con il Maestro ed eventi particolarie personali che possono diventare curiosità storiche, fondamentali a completare il ritratto di una personalità così speciale ed affascinante.

Gli Allievi
Bologna, Novembre 2017

 

Prefazione

Fabio A. Roversi Monaco

Luigi Barbara: l’intelligenza e la semplicità.

L’amicizia vera, non viziata da alcun tipo di contagio.

Il coraggio della consapevolezza senza arroganza.

E, per completarne la coerente figura, l’assoluta dedizione professionale come strumento per crescere e per progredire personalmente, nell’ambito della missione di giovare allo sviluppo della scienza e al prossimo.

Sono note distintive rare, molto rare, ma che possono ben riscontrarsi, anche se con limitata frequenza, in scienziati, studiosi e medici quando essi siano consapevolmente in possesso di una virtù cardine: quella di dedicare la vita a svolgere un ruolo che non appartiene solo al singolo, ma è necessario alle Istituzioni, per dare un significato più profondo agli aggregati umani che compongono la società.

Si potrebbe anche definire compiuta coscienza.

Vorrei insistere su questo punto, che vuol dire senso delle Istituzioni e nello stesso tempo attaccamento alla Società, poiché le due cose non coincidono, anche se in qualche modo debbono compenetrarsi.

E, quando ciò avviene, per opera di uomini illuminati, si può ben affermare che si recuperano uomini e donne spesso disillusi, ma di alto valore.

Il fatto è che Luigi Barbara, mediato nelle Sue scelte dai valori e dagli intenti che ho cercato di evidenziare, costruiva i Suoi allievi, esercitava in modo diffuso la Sua vocazione ineludibile all’insegnamento; sollecitava il senso del gruppo, la generosità di condividere quanto sapeva ed era consapevole che molto di quello che sapeva discendeva dalla Sua attività di ricerca e dal Suo desiderio di sapere, coinvolgendo gli altri, soprattutto i giovani.

Una generosità da condividere al termine delle Sue lunghe e pesanti giornate di lavoro.

Con Luigi Barbara e con Giuseppe Gozzetti – chirurgo insigne, un grande, antico Ospedale, frutto della volontà plurisecolare di tanti bolognesi, donne e uomini che seppero comprendere che occorre dare prima di pretendere, a fronte di tanti altri che hanno acquisito, semmai nel tempo, una successiva leadership in Italia e in Europa, ha vissuto i Suoi anni migliori dal dopoguerra.

Con Barbara e Gozzetti, dicevo, Bologna ha attraversato almeno un ventennio di supremazia negli studi medici. Questo avvenne e fu qualcosa di nuovo, o forse, meglio, di rinnovato, di diverso rispetto ad altri importanti ospedali.

Questo ha segnato quelle due vite così piene di significato e con esse molte altre.

Ma le stagioni cambiano e da tempo è subentrata la stagione della politica: non quella dei politici intenti a sviluppare il benessere globale dell’umanità, non quella di Lord Beveridge, ma quella dei politici che hanno fatto della gestione della sanità uno strumento di “raffinate” scelte devianti e involutive rispetto ai grandi temi che la professione “medica”, antica sotto il Sole quasi quanto l’uomo, ha saputo affrontare.

 

Indice

F. A. Roversi Monaco. Prefazione

R. Corinaldesi - G. Barbara. Biografia di Luigi Barbara

 

Parte prima: La scuola e gli allievi

R. Corinaldesi. La Medicina Interna Corinaldesi

L. Pironi - D.Vaira. La Medicina Interna Miglioli

L. Bolondi. La Medicina Interna Bolondi

P. Tomassetti. La medicina Interna Gullo

V. Stanghellini. La Medicina Interna Stanghellini

M. Campieri. La Medicina Interna Campieri

D. Vaira. La Medicina Interna Vaira

R. De Giorgio. La Medicina Interna di Ferrara

E. Roda. La Gastroenterologia Roda

D. Festi - F. Bazzoli - G. Mazzella. La Gastroenterologia del S. Orsola

D. Festi. SSD: Diagnosi e Trattamento delle Malattie delle Vie Biliari

F. Bazzoli. L’UOC Gastroenterologia del S.Orsola-Malpighi

R. Pasquali. L’Endocrinologia

G. Biasco. L’Oncologia

G.C. Caletti. La Gastroenterologia dell’Università di Bologna presso l’Ospedale di Imola

C. Sama. La Medicina Interna Sama

L. Pironi. L’Insufficienza Intestinale Cronica Benigna

F. Lami. La Medicina Interna di Bentivoglio

P. Tomassetti. I Tumori Neuroendocrini

P. Ricci. La Medicina Interna di Villa MF Toniolo

G. Gizzi. L’Endoscopia Digestiva di Villa MF Toniolo

 

Parte seconda: Ricordano così il Maestro

G. Barbara

R. Corinaldesi

L. Bolondi

V. Stanghellini

M. Campieri

D. Vaira

R. De Giorgio

E. Roda

R. Pasquali

G. Biasco

G.C. Caletti

C. Sama

L. Pironi

F. Lami

P. Tomassetti

P. Ricci

S. Brillanti

L. Civolani

Albero genealogico