Logo Centro Corsi Martina
Home page

ECM

EDIZIONI MARTINA S.R.L.
40126 Bologna - Via delle Belle Arti 17/E - Tel. 051.6241343 - Fax 051.545.514 - info@edizionimartina.com


Il carrello è vuoto
Autore Titolo Indice

 

Sei il visitatore numero

 




Presentazione
Prefazione
Indice
La prima pagina
 

Nozioni pratiche di Ortopedia e Traumatologia medico-sportiva a bordo campo

LABIANCA L. - QUARANTA F. - VADALA’ A. - MONACO E.

Pag. 110 - 154 tabelle e illustrazioni a colori

ISBN 978-88-7572-047-9

FUORI CATALOGO

Prezzo scontato

35,00 €

Quantità


Presentazione

Vivere da vicino, da bordo campo o dalla panchina, le manifestazioni sportive, condividendo con gli atleti le sensazioni che gli eventi agonistici sono in grado di trasmettere, è uno degli aspetti più piacevoli e gratificanti della professione del medico sportivo.

Ma se è vero che le vittorie, cui i medici sono chiamati a contribuire tramite il controllo delle condizioni psico-fisiche e di salute dei protagonisti, si costruiscono in gran parte nel corso della fase di preparazione e di allenamento, nei giorni e nelle settimane che precedono la gara, è altrettanto vero che talora, proprio nel corso della competizione, il medico può essere chiamato ad affrontare e risolvere situazioni di particolare urgenza. E saranno le sue decisioni ed il suo atteggiamento che potranno influire in modo determinante sul risultato finale.

Sono queste le situazioni nelle quali il medico deve essere capace di concentrarsi, astraendosi dalla particolare situazione emotiva, e di inquadrare rapidamente e compiutamente il quadro clinico assumendo le decisioni più idonee nel pieno rispetto dei principi della scienza e dell'etica medico sportiva.

L'idea degli autori di offrire ai medici sportivi un manuale di rapida consultazione in grado di aiutarli in questo particolare aspetto della loro attività, la medicina e traumatologia di bordo campo, è quindi da valutare e giudicare con favore ed interesse. Sostenuti da una grande passione che, assieme alla loro giovane ma sufficientemente collaudata esperienza, li ha portati a ricoprire vari ruoli in ambito medico sportivo, in discipline singole e di squadra, essi sono riusciti a condensare in poche pagine i concetti più importanti e significativi che ogni medico sportivo deve tenere bene a mente anche nei momenti più delicati, soprattutto quando, inevitabilmente, viene coinvolto dal susseguirsi, talora frenetico delle vicende agonistiche.

Questa partecipazione emotiva, inevitabile quanto comprensibile non deve tuttavia impedirgli di mantenere la lucidità necessaria a valutare ogni situazione con serenità ed obiettività, in modo da saper sempre agire responsabilmente per il meglio, mantenendo sempre l'atleta, e solo lui, al centro delle proprie attenzioni.
Non vi è dubbio che una solida base culturale ed una approfondita conoscenza delle patologie contenute in questo libro, corroborate da un continuo aggiornamento professionale, siano in grado di aiutare il medico in questa delicata fase del suo lavoro.

Nel complimentarmi con gli autori per la scelta degli argomenti, la selezione e l'inquadramento delle patologie trattate, la buona rappresentazione iconografica e la brillante sintesi del testo, sono certo che la loro opera sarà coronata dal successo che merita, così come la loro carriera, ora appena agli inizi, cui formulo i migliori auguri o, come si preferisce dire in ambito sportivo, un affettuoso "in bocca al lupo".

Prof. Andrea Ferretti
Medico della Nazionale Italiana di Calcio

 

Prefazione

Questo lavoro può definirsi il risultato naturale di quella che è stata la nostra esperienza formativa all'interno della scuola di specializzazione in Ortopedia e Traumatologia della II Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università la Sapienza di Roma.

L'emozione di una vittoria, di un gesto atletico, la tensione dell'evento sportivo sono sensazioni che si respirano a bordo campo e che il medico deve saper apprezzare, ma anche gestire.

Il nostro vivo interesse per lo sport, per la medicina, in particolare per la traumatologia sportiva, e l'amicizia sono gli elementi che ci hanno permesso di collaborare attivamente e con entusiasmo alla stesura di questo lavoro, contagiati anche dal Prof. Andrea Ferretti, direttore della scuola, che è riuscito così meravigliosamente a coniugare la professione e la sua passione per lo sport, risultando per noi guida e costante riferimento umano e professionale nel nostro percorso formativo.

Ci è quindi venuto quasi spontaneo, dopo tanto tempo passato insieme e tanto lavoro, provare a mettere in ordine tutte le nozioni apprese dai libri, dalla pratica (di reparto e pronto soccorso) e dalle esperienze sul campo vissute in questi anni, e dare vita a quello che ci piace definire un "quaderno d'appunti", che ha l'obiettivo di chiarire alcuni aspetti pratici di traumatologia sportiva, che possono risultare sempre utili durante una qualsiasi esperienza di campo, e da considerarsi niente più che un sussidio da infilare nella borsa che portiamo con noi in panchina.

Cogliamo l'occasione per ringraziare vivamente il dott. Federico Quaranta che, condividendo con noi lo spirito della medicina sportiva, ha partecipato alla stesura del libro curando gli aspetti prettamente medico-sportivi, la cui conoscenza è indispensabile per affrontare qualsiasi esperienza nel mondo dello sport.

Un pensiero e un ringraziamento sentiamo infine di doverlo alle nostre famiglie che in questi anni di formazione ci hanno sempre spronato e sostenuto incondizionatamente.

Luca Labianca - Antonio Vadalà - Edoardo Monaco

 

Indice

PRESENTAZIONE

PREFAZIONE

MEDICINA DELLO SPORT


1. IL MEDICO E L'INQUADRAMENTO DELL'ATLETA

Lo Staff Negli Avvenimenti Sportivi

Linee Guida All'esecuzione Di Un Corretto Esame Di Idoneità Prima Della Partecipazione All' Attività Sportiva

Obiettivi Primari Dell'esame Di Idoneità

Obiettivi Secondari Dell'esame Di Idoneità

Protocollo Generale

Caratteri Antropomorfici Importanti

Parametri Di Rendimento Per La Capacità Funzionale O Atletica Interpretazione Dei Risultati Dell' Esame Di Idoneità

Protocollo Di Esame

Anamnesi Medica

Esame Obiettivo

Autorizzazione A Partecipare All' Attività Sportiva

Condizioni Squalificanti

La Regolamentazione Antidoping


2. MEDICINA DEGLI AMBIENTI SPORTIVI

Malattie Da Calore Minori

Collasso Da Calore E Colpo Di Calore

Misure Preventive Per Le Malattie Da Calore Bambini E Danno Da Calore

Donne E Danno Da Calore

Lesioni Da Freddo

Malattia Delle Altitudini

Traumatologia


3. TRAUMA CRANICO

Clinica

Prognosi


4. TRAUMI TORACICI

Traumi toracici chiusi

Traumi toracici aperti


5. INQUADRAMENTO GENERALE DELLE FRATTURE

Segni clinici di frattura

Fratture esposte e fratture complicate

Fratture dell'infanzia

Complicanze

Accertamento diagnostico

Principi di trattamento


6. FRATTURE DELL'ARTO SUPERIORE

Frattura Di Scapola

Fratture Di Clavicola

Fratture Omero

Le Fratture Dell'epifisi Prossimale

Le Fratture Della Diafisi Omerale

Le Fratture Dell' Epifisi Distale

Fratture Del Capitello Radiale

Fratture Dell'olecrano

Fratture Dell'avambraccio

Fratture Del Polso


7. TRAUMI DEL BACINO

Fratture Del Bacino

Fratture Dell'osso Sacro

Fratture Del Coccige

Fratture Dell'acetabolo

Lussazione Traumatica Dell'anca

Lussazione Anteriore

Borsite E Anca A Scatto


8. FRATTURE DI FEMORE E DI GAMBA

Fratture Dell'estremità Prossimale Del Femore

Fratture Della Diafisi Femorale

Fratture Del Ginocchio

Fratture Di Gamba


9. FRATTURE DEL COLLO-PIEDE

Fratture Della Caviglia E Del Piede

Patologia Ortopedica


10. INQUADRAMENTO GENERALE

Contusione

Distorsione

Lesioni Muscolari

Tendinopatie


11. PATOLOGIE DELLA SPALLA

Lussazioni Acromion-Clavicolari

Lussazioni Dell'articolazione Gleno-Omerale

La Cuffia Dei Rotatori

Lesioni Del Capo Lungo Del Bicipite E Della Sua Inserzione Distale

Rottura Del Tendine Del Grande Pettorale

Neuropatia Del Soprascapolare

Sindromi Neurovascolari


12. PATOLOGIE DEL GOMITO E DELLA MANO

Epicondilite

Lussazione

Instabilità Di Gomito

Distorsioni E Lussazioni Delle Dita Della Mano


13. LOMBALGIA

Lombalgia


14. PUBALGIA

Pubalgia


15. PATOLOGIA MUSCOLOTENDINEA DELLA COSCIA

Lesioni Muscolari

Sindrome Compartimentale Acuta

Infiammazione Dei Tendini Della Zampa D'oca

Tendinite Del Semimembranoso

Sindrome Della Benderella Ileotibiale

Tendinite Del Popliteo

Tendinite Del Bicipite Femorale


16. PATOLOGIE DEL GINOCCHIO

Traumi Distorsivi Del Ginocchio

Lesioni Del Legamento Collaterale Mediale (Lcm)

Lesioni Del Comparto Posterolaterale

Lesione Del Legamento Crociato Anteriore

Lesioni Del Legamento Crociato Posteriore

Lesioni Meniscali

Rottura Del Tendine Rotuleo

Ginocchio Del Saltatore

Malattia Di Osgood-Schlatter

Malattia Di Sinding-Larsen-Johansson

Malallineamento Del Meccanismo Estensore (Mme)


17. PATOLOGIA DEL COLLO PIEDE

Traumi Distorsivi Del Collo-Piede

Tendinite Achillea

Rottura Del Tendine Di Achille

Dolore Calcaneare (Talalgia)

Fascite Plantare


18. PRESIDI, TUTELE E FASCIATURE DI BASE IN TRAUMATOLOGIA ORTOPEDICA

Bibliografia

 

La prima pagina

IL MEDICO E L'INQUADRAMENTO DELL'ATLETA

LO STAFF NEGLI AVVENIMENTI SPORTIVI

Intorno al "palcoscenico" del campo e prima, durante e dopo la "rappresentazione" dei protagonisti (gli atleti), vi è un gruppo di professionisti che devono agire sinergicamente al fine di ottimizzare il lavoro degli sportivi, proteggerli e curarli dagli infortuni e talvolta saper anche affrontare le emergenze con tempestività e competenza.

Questo gruppo è formato da:

1. Il medico del team, che può lavorare da solo o in collaborazione con altri colleghi, in modo da completare le competenze che debbono coprire i campi di: medicina dello sport, ortopedia e traumatologia.
2. I fisioterapisti.
3. L'allenatore sportivo.

Lavorando insieme, questi professionisti devono elaborare un esauriente programma di gestione degli infortuni, che comprende i seguenti aspetti:

1. Strategie di prevenzione degli infortuni per ridurre le potenziali responsabilità (garantendo un'area di gioco sicura, insegnando agli atleti appropriati esercizi di condizionamento, adottando opportune precauzioni per prevenire malattie da calore potenzialmente letali).
2. Appropriata e accurata valutazione del tipo e della gravita dell'infortunio.
3. Pronto soccorso appropriato, compresi un piano e un trattamento d'emergenza del trauma.


LINEE GUIDA ALL'ESECUZIONE DI UN CORRETTO ESAME DI IDONEITÀ PRIMA DELLA PARTECIPAZIONE ALL'ATTIVITÀ SPORTIVA

L'esame di idoneità è una misura di Medicina Preventiva che deve:

1. Soddisfare i requisiti legali e assicurativi inerenti alla partecipazione all'attività sportiva.
2. Determinare lo stato di salute generale dell'atleta.
3. Valutare il livello di condizionamento fisico dell'atleta.
4. Valutare la maturità fisica dei potenziali partecipanti.
5. Rilevare condizioni che possono limitare o controindicare la partecipazione.
6. Rilevare condizioni che possono predisporre a traumi e calcolare la riabilitazione da questi traumi.
7. Servire da linea di riferimento per determinare quando l'atleta infortunato possa tornare a giocare.
8. Offrire l'opportunità di un'educazione sanitaria.


OBIETTIVI PRIMARI DELL'ESAME DI IDONEITÀ

1. Minimizzare il logorio da traumi indotto dagli sport.
2. Migliorare la prestazione atletica.
3. Identificare debolezze che possono ostacolare il rendimento in gara.


OBIETTIVI SECONDARI DELL'ESAME DI IDONEITÀ

1. Valutare il conseguimento di obiettivi individuali.
2. Aiutare a motivare gli atleti.
3. Fornire l'opportunità di una consulenza sullo stato di buona salute.
4. Valutare il successo del programma di condizionamento prestagionale.
5. Fornire profili atletici sport-specifici che adattino gli atleti allo sport.
6. Spiegare il rapporto tra domande dello sport e adattamenti muscolo-scheletrici.


PROTOCOLLO GENERALE

1. Praticare l'esame di idoneità annualmente nel formato di gruppo al momento della visita medica almeno 6 settimane prima che inizi la stagione.
2. I test e i metodi dovrebbero essere semplici da eseguire, facili da misurare, riproducibili ed economici.
3. I metodi di esame dovrebbero simulare strettamente i movimenti e le attività usati realmente nelle competizioni.


CARATTERI ANTROPOMORFICI IMPORTANTI

1. Confrontare la statura e il peso con grafici standard per identificare anomalie di crescita.
2. La composizione corporea (indice della salute generale) può essere importante nel determinare il…